Valutazione del benessere: come effettuare una valutazione corporea

valutazione del benessere

La valutazione del benessere è una valutazione corporea  mediante l’utilizzo della Tanita , la  bilancia impedenziometrica , cui  è possibile conoscere il reale stato di benessere di una persona a 360°.

 

A cosa serve effettuare una valutazione del benessere?

In questo modo è possibile rilevare tutti i valori che tracciano lo stato di salute dell’organismo e attraverso la quale impostare un piano alimentare adatto agli obiettivi desiderati.

Per ottenere una valutazione del benessere più precisa, è necessario calcolare la percentuale di massa magra, massa grassa, metabolismo basale e altri valori che vedremo in seguito, prima di impostare un “piano alimentare” coerente con i propri obiettivi.

 

Il modo migliore per mostrarti come si svolge una valutazione corporea impedenziometrica è riportandoti un esempio pratico.

Per poter impostare un piano alimentare adatto, non è sufficiente riferirsi soltanto al peso del tuo corpo, quindi, e l’ impedenziometria si affida a tutti i valori che costituiscono l’organismo, per determinare la composizione corporea di un individuo.

 

Per  questo esempio è stato preso come campione il caso di Giuseppe, un razzo di 30 anni con valori abbastanza nella norma, ma leggermente in sovrappeso.

Come saprai, il primo passo da fare è definire gli obiettivi e Giuseppe si è affidato alla nostra consulenza di benessere con l’intento snellire la pancia.

Una volta effettuato il rilevamento dei dati che rappresentano  lo stato di salute del corpo, abbiamo analizzato il suoi dati per impostare un piano alimentare adatto a raggiungere il suo obiettivo.

 

Quali sono i tuoi obiettivi?

Qualsiasi sia il tuo obiettivo:

  Vuoi Perdere peso?
 Migliorare la forma fisica?
 Vuoi aumentare massa muscolare?

 

 

Ecco come puoi raggiungere i tuoi obiettivi in 2 semplici step

 


step1EFFETTUA UNA VALUTAZIONE DEL BENESSERE

I valori riportati in basso si riferiscono a un caso reale di una valutazione del nenessere  impedenziometrica effettuata qui da noi, presso Nutrition Club Top Share.

valutazione del benessere

Genere: Maschio

Età: 30

Altezza: 178 cm

Peso: 76,4 Kg

Massa grassa: 21,8 %

Metabolismo Basale BMR: 1761

Indice Massa Corporea BMI: 24,1

Età Metabolica: 38

Acqua TBW: 55,1 %

Livello grasso Viscerale: 5,5

Massa Ossea: 3,0 Kg

Massa Muscolare: 56,8 Kg

 

Se hai già letto il mio e-Book in cui ti spiego il sistema passo passo per dimagrire a livello addominale e raggiungere autonomamente e in automatico un “Effetto Pancia Piatta”, ricorderai quando ti ho parlato del fattore più importante cui fare riferimento: il fabbisogno proteico.

Il fabbisogno proteico rappresenta la quantità di proteine alimentari cui necessita il corpo umano per soddisfare le proprie esigenze nutrizionali, mantenere la buona salute e mantenere l’equilibrio delle riserve proteiche.

 

valutazione del benessere

Estratto dall’e-book Effetto Pancia Piatta

PUOI SCARICARLO DA QUI!

 

 

 

Il fabbisogno proteico che andremo a calcolare fa riferimento al peso corporeo  di Giuseppe, quindi la quota proteica sarà diversa dalla tua:

 

Ricorda: più muscoli = più proteine e viceversa

 

 

In questo caso bisogna calcolare l’apporto proteico su 56,8 di massa muscolare.

 

Per avere un fabbisogno proteico giornaliero ottimale è necessario assumere 2 g di proteine per kg di massa muscolare.

 

Quindi in questo caso avremo bisogno di circa 114 g di proteine al giorno.

 

Poiché l’organismo è in grado di assimilare al massimo circa 27 proteine a pasto, è necessario effettuare 5-6 pasti a seconda dell’apporto proteico che il cibo riesce ad apportare all’ organismo ad ogni pasto.

 

Generalmente le nostre abitudini alimentari non prevedono un apporto ottimale di proteine ad ogni pasto.

 

Quando non si soddisfa il fabbisogno di proteine ad ogni pasto è preferibile fare un pasto in più, piuttosto che aumentare la quota di proteine per singolo pasto, poiché esiste un limite massimo di assimilazione delle proteine dell’ organismo di circa 27 g a pasto.

 

In base alle caratteristiche specifiche di una persona e al quantitativo di proteine che il pasto apporta all’ organismo, cambiano i pasti giornalieri e le quantità di proteine.

 

Quindi valuta di effettuare anche 6 pasti al giorno, poiché è molto difficile assumere ad ogni pasto 27 g con i cibi.

 

Nel caso specifico di Giuseppe…

Se calcoliamo anche una media di 20 grammi a pasto, moltiplicato per 6 pasti, sono 120 grammi di proteine assimilate durante il giorno.

In questo modo è stato soddisfatto il fabbisogno proteico giornaliero di 114 g e superato.

Le quantità di proteine cambiano invece, per chi ha necessità diverse da Giuseppe.

Chi vuole mettere più volume al muscolo, necessita di nutrire maggiormente il muscolo aumentando le proteine ad ogni pasto (tipo chi pratica fitness, body building).

Il loro apporto di proteine ad ogni pasto deve essere maggiore rapportando non 2 grammi, ma circa 3 grammi di proteine per kg di massa muscolare.

 

Massa Muscolare X 3 g = Fabbisogno Proteico Giornaliero (per chi vuole aumentare massa muscolare)

 

Se questo è il tuo caso, valuta di inserire nella tua giornata alimentare tipo, il 7° pasto o pasto notturno.

 

Quale valore di riferimento definisce i nostri progressi?

Andando a monitorare periodicamente la percentuale di massa grassa, nonostante si possono effettuare anche 7 pasti al giorno, è possibile bilanciare la propria alimentazione in base alle proprie esigenze e obiettivi.

 

Come ti spiego in questa pagina,  questo tipo di grasso è direttamente correlato e in misura significativa all’ insulino-resistenza.

Tieni bene a mente questo  fattore, poiché è fondamentale per il buono stato di salute generale del tuo corpo.

Alcuni esperti ritengono che l’obesità, in particolare l’eccesso di grasso intorno alla vita cui l’uomo è più propenso a depositare anche con l’avanzare degli anni, abbia come causa primaria, l’ insulino-resistenza.

Gli studi hanno dimostrato anche che il grasso della pancia produce ormoni e altre sostanze che possono causare gravi problemi di salute come:

  • l’ insulino-resistenza,
  • l’alta pressione sanguigna,
  • il colesterolo squilibrato,
  • le malattie cardiovascolari (CVD).

 

Tu puoi evitare questo effettuando una valutazione del benessere, intraprendendo una scelta consapevole che ti permette di seguire un piano alimentare bilanciato che rispetti le tue esigenze.

valutazione del benessere

Come hai potuto notare, una buona nutrizione è stabilita da un fabbisogno proteico ottimale, poiché da questo valore dipende  direttamente il buon funzionamento del metabolismo.

 

Cosa fare ora?

Dopo aver effettuato una valutazione del benessere e impostato un piano alimentare adeguato ai tuoi obiettivi, è necessario monitorare periodicamente i tuoi progressi di forma e noi di Nutrition Club Top Share, siamo sempre pronti a sostenerti.

 

 

step2MONITORA I TUOI PROGRESSI

Riscontro e controllo sono prassi necessarie per conoscere le reazioni del proprio corpo.

Verifica periodicamente i progressi attraverso strumenti che rilasciano valori tangibili e che rispettano realmente i risultati ottenuti.

Se hai in mente di intraprendere un piano di perdita peso, è opportuno riscontrare ogni settimana i progressi attraverso una valutazione corporea impedenziometrica per verificare l’andamento con gli stessi parametri con cui si è impostato un piano alimentare.

Una bilancia classica non restituirà mai valori reali, poiché dimagrendo e bruciando massa grassa si aumenta massa muscolare che, essendo più pesante, restituirà un valore falsato e che non rispetta la realtà di quello che sta realmente accadendo al tuo corpo.

 

La prossima volta che intendi perdere peso o migliorare la forma fisica, effettua prima una valutazione del benessere, per conoscere la tua situazione corporea e vedi se non ottieni risultati migliori dei metodi di dimagrimento che hai già provato.

Anche se molte persone non piace fare esercizio fisico e rinunciare ai sapori del cibo, nessuno avrebbe mai detto che per tornare in forma è così importante una sana ed equilibrata alimentazione.

 

Se desideri una pancia piatta punta ad avere un corpo forte attraverso un’alimentazione bilanciata

 

Se vuoi perdere massa grassa all’ addome è necessario impostare un piano alimentare che faccia riferimento alla tua specifica condizione di partenza, per raggiungere la condizione dell’obiettivo desiderato.

Quindi, è molto importante che tu faccia chiarezza nella tua mente e riesca a capire che  l’unica strategia possibile per ottenere dei risultati di forma durevoli è la tua determinazione.

 

Esiste solo una strategia corretta, niente scorciatoie o prodotti miracolosi!

 

Questo metodo fa riferimento alla scienza e si basa sul naturale funzionamento del nostro organismo.

Sia io, sia centinaia di persone hanno già ottenuto grandi risultati riuscendo a mantenere saldo il loro desiderio di stare meglio, avendo cura del proprio corpo e tutto è stato possibile partendo da una valutazione del benessere.

About The Author

Cesare Laera

Personal Coach | Consulente del Benessere Herbalife

Lascia un commento tramite Facebook!

Leave A Response

*

* Denotes Required Field